Home copywriting, scrittura e dintorni Tag del sito: un consiglio da copywriter, un segreto che qualcuno trascura (correndo grossi rischi)

Tag del sito: un consiglio da copywriter, un segreto che qualcuno trascura (correndo grossi rischi)

by Simona

Fare la copywriter per il web significa scrivere i testi che gli utenti visualizzeranno e leggeranno sui siti web.

Tuttavia esistono anche testi che hanno altre funzioni e che non sempre sono visibili a un primo sguardo, rientranti anch’essi tra i testi di cui mi occupo.

Tali testi sono, per Google in particolare ma in generale per tutti i motori di ricerca, un po’ come il trucco nascosto di una pozione magica, di cui il bravo mago non rivela mai tutti gli ingredienti o la formula, perlomeno non integralmente: ma su di essi voglio svelarti in questo articolo un segreto che non ti aspetteresti.

Prima di farlo voglio aiutarti però a comprendere di cosa sto parlando, soprattutto rivolgendomi a chi non è del mestiere e non conosce gli aspetti tecnici nella realizzazione di un sito web.

Dunque, detto in maniera semplice, tali testi sono i cosiddetti “tag” o “metatag”, metadati che comprendono titoli e didascalie di diverse tipologie e che sono utilizzati, a vari livelli nel codice html, per comporre la pagina web con una serie di indicazioni che sono indirizzate non tanto al lettore umano, ma ai motori di ricerca e ai loro “spider” o “crawler”, che analizzano ciò che avviene sulla Rete.

Tag: description, title e altri testi

Per chiarezza, ho deciso di riassumere con la parola tag tutto un insieme di testi usati in vari campi del sito,che normalmente non sono visualizzati nella pagina e in cui ci si può imbattere, per esempio, facendo una ricerca su Google oppure guardando l’anteprima del sito sui social quando viene pubblicato un link.

Ecco i principali testi “tag”, con un esempio:

Nell’immagine sopra: i tag con cui viene descritto Google facendo una ricerca su Google, ovvero link/url + title + description

Ed ecco una breve descrizione di ogni tag:

Meta description

La meta description è la descrizione che compare nei risultati delle ricerche su Google, sotto link/url e title. È composta da un breve paragrafo di riepilogo, da poche parole o da una sola frase (che deve avere preferibilmente senso compiuto) che servono a far capire a Google (e al lettore) cosa troverà nella pagina che potrà aprire.

– Title tag

Il title tag è il titolo della pagina: non tanto, però, quello che compare sulla pagina stessa, bensì quello che compare nella Serp (l’elenco dei risultati che l’utente si vede proporre dopo aver fatto la sua ricerca) e che identifica la pagina favorendone il posizionamento nel motore di ricerca.

– Keyword

La keyword si può tradurre direttamente come “parola chiave”: è la parola o la breve combinazione di parole che descrive il contenuto della pagina e l’argomento per il quale la pagina si candida a diventare, idealmente, la migliore risorsa online che l’utente potrebbe cercare su internet.

– Url

La Url o più comunemente “link” è l’indirizzo univoco sul web a cui si trova la pagina, in genere introdotto da http o https.

Lo scopo dell’esistenza di tali “tag”

L’obiettivo dell’esistenza di questi testi “nascosti” nella pagina è aiutare i già citati “spider” o “crawler”, “ragni elettronici”, che il motore di ricerca utilizza per scansionare l’intera rete, a comprendere e classificare le pagine.

In questo modo Google (ma non solo) può trovare una specifica pagina e inserirla nei risultati che emergono di fronte a una ricerca dell’utente per aiutarlo ad avere le informazioni che cerca.

I tag permettono ai motori di ricerca di selezionare, con più cura e con più facilità, le informazioni.

Il “trucco” che non devi trascurare

Non sono solo una copywriter freelance, ma sono anche una profonda osservatrice del mondo web. Guardo e analizzo i siti di vari settori e argomenti ogni volta che devo seguire un progetto oppure che mi capita di fare ricerche e poter approfondire.

E una cosa che capita molto spesso, molto più spesso di quanto si pensi, è trovare siti con errori di vario genere: non solo strutturali o di progettazione ma anche semplici refusi che pero cambiano il senso della parola.

Guarda questi due esempi nel settore dei “bicchieri” che ho preso da due siti di prim’ordine:

Come puoi osservare, anche solo un errore di battitura (come la mancanza di una “c” in “bicchiere”) non è qualcosa di così poco comune: e, se fatto in un titolo, può inficiare tutto il lavoro e, ancora di più, quando tale errore è in inserito in un tag title o, in misura minore, in una description.

Il motore di ricerca, infatti, potrebbe non prendere in considerazione il sito e rendere tutto vano.

Perciò il “trucco” che non devi trascurare è controllare il lavoro fatto e, per sicurezza, farlo verificare da un copywriter che abbia occhio per identificare e correggere i refusi. Vale per tutti i testi del sito web e della tua comunicazione, ma anche per i tag, perché la loro funzione è molto importante. Dovresti considerare sempre di far fare un “controllo qualità” a chi è esperto di correzione e revisione, e non lasciare il tutto in mano solo a chi ti ha realizzato il sito.

.

Ebbene sì, oltre che per scrivere i testi per il sito, l’intervento di un copywriter può esserti utile per evitare errori che, altrimenti, potrebbero scapparti, e questo proprio nei tag.

Se vuoi chiedermi un preventivo per la lettura e correzione di tutti i testi e metadati del sito puoi contattarmi come spiegato a questa pagina.

0 comment

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Comment

* Usando questo form approvi la conservazione e la gestione dei tuoi dati da parte del sito. Per saperne di più, visita la pagina del sito "Privacy e Cookie Policy".