Home copywriting, scrittura e dintorni Qual è la lunghezza ideale per i post di un blog?

Qual è la lunghezza ideale per i post di un blog?

by Simona

Qual è la lunghezza ideale per i post di un blog?

È una domanda che mi viene posta spesso come copywriter freelance. E la risposta che do io, e che credo sia la più corretta, è: DIPENDE.

Ovvero, a mio avviso, la lunghezza ideale per ogni singolo post di un blog è quella necessaria.

Quella necessaria per rispondere alla domanda insita nella ricerca che è stata fatta online (e che porta i navigatori prima su Google e poi sul tuo sito) e per rispondere nel modo che porta maggiori vantaggi e opportunità a te e alla tua azienda.

Lo so. La mia è un’opinione da professionista, ma non risponde in modo univoco, numerico e chiaro alla domanda: è che, in realtà, la questione implica una serie di fattori diversi che vanno analizzati.

Infatti decidere se il proprio blog avrà articoli da 300, 600, 1000 o 2000 parole, o altri tagli o più parole, e se la lunghezza dei post dovrà essere fissa o variabile a seconda dell’argomento, potrebbe dipendere da elementi diversi e legati al contesto in cui si muove la tua azienda.

In particolare questi fattori sono determinati da:

tema o temi del blog e frammentarietà

Il tema o i temi del tuo blog si prestano a essere frammentati in tanti articoli diversi, oppure è meglio creare contenuti più lunghi, che risultino il più possibile esaustivi dell’argomento che trattano? Un blog di approfondimento può essere organizzato in varie modalità, mentre un blog che si presta a proporre soluzioni e assistenza operativa dovrà per forza di cose esaurire l’argomento in modo concreto, per non risultare seccante e inconcludente ai lettori.

concorrenza

La creazione o lo sviluppo di un blog aziendale non può prescindere dall’analisi della concorrenza e dei blog, eventualmente esistenti, che si occupano di tematiche simili o di settore. I tuoi competitor come hanno sviluppato un progetto simile o legato ad argomenti affini ai tuoi? Studiare i loro progetti, o altre realtà on-line come i vari magazine giornalistici, potrebbe fornire informazioni preziose per decidere la lunghezza migliore per i tuoi post.

– target e motivazioni

Qual è il pubblico ideale del blog che vuoi strutturare? Quali sono le motivazioni per cui questo target dovrebbe leggere il blog? Quali sono le azioni che vuoi portarli a fare, secondo il progetto del tuo blog? E quali call-to-action utilizzerai? Se il tuo obiettivo è fornire approfondimenti, o se vuoi spingere i visitatori a svolgere un’azione, un testo più o meno lungo potrebbe ottenere risultati diversi.

– investimento e prospettiva

Se l’investimento che puoi fare per lo sviluppo del blog non è di grande entità, o in generale la prospettiva non è di lungo corso (per esempio perché i temi di approfondimento sono limitati e molto settoriali), potrebbe essere meglio fare un progetto a medio/lungo termine realizzandone i contenuti in toto nell’immediato e rendendolo poi pubblico con pubblicazioni programmate: ovvero potresti appunto provvedere a far preparare subito i vari contenuti e programmarne l’uscita. In questo caso la lunghezza dei singoli post è decisamente più facile da definire, se l’argomento di per sé risulta molto specifico.

– comportamento degli utenti

Se il tuo sito è già on-line, tramite il tuo community manager o seo specialist (un tecnico interno o esterno alla tua azienda), puoi analizzare come gli utenti interagiscono con i tuoi contenuti già esistenti. Puoi verificare quante visite hanno ricevuto le tue pagine o gli articoli già esistenti, nonché (se è un dato disponibile) le reactions ricevute. Inoltre, a seconda dei dati che hai disponibili, puoi appurare quali contenuti ti hanno aiutato a realizzare gli obiettivi della tua comunicazione online (conversioni, approfondimento, assistenza ai clienti, ecc). Conoscere come i visitatori si comportano o si sono comportati ti darà utili informazioni per creare i contenuti più adatti e ti aiuterà a definire la lunghezza più adatta. 

– propensione alla creazione di contenuti da parte di chi dovrà crearli

Se la persona scelta per sviluppare i contenuti non è un professionista copywriter, e nemmeno un addetto interno abituato scrivere e approfondire gli argomenti del caso, potrebbe essere meglio puntare ad argomenti diretti e a interventi brevi. Un professionista sviluppa contenuti in modo continuativo per realtà diverse e su temi differenti. È abituato a snocciolare gli argomenti, a suddividerli, ad analizzarli, e questa non è una capacità scontata, ma un’abilità che si acquisisce col tempo e con l’esperienza, anche per vedere i vari aspetti che possono interessare al lettore. In tutti i casi in cui a sviluppare i contenuti non è un esperto, il piano editoriale è fondamentale per non perdere di vista il progetto del blog.

Quelli che ho elencato qui sopra sono, a mio avviso, alcuni punti fondamentali per definire la lunghezza dei post di un blog, soprattutto quando non si vuole improvvisare ma realizzare un progetto destinato a vivere e a dare risultati nel tempo.

Come blogger per aziende cerco di valutare la concorrenza, i progetti esistenti e i dati a disposizione, anche se non sempre si hanno informazioni esaustive. Personalmente, quando non esiste già un progetto disponibile o non ci sono dati esaurienti per definirlo in ogni sua specifica, perché il progetto è su un tema su cui non esistono precedenti rilevanti, propongo blog con post da 300, 600 o 1000 parole per articolo per avere un punto di partenza: e poi, nel tempo, raccolti i dati sul progetto sarà possibile decidere con l’azienda se fare delle modifiche o continuare sulla strada intrapresa.

È meglio, infatti, che ogni contenuto abbia la lunghezza giusta per essere esaustivo, ma spesso nei progetti di blog è necessario anche mantenere una coerenza di fondo per dare al blog una identità definita, che aiuterà a riconoscere il blog non solo per il dominio su cui è ospitato ma anche per i suoi contenuti, diventando autorevole.

A ben pensarci, infatti, domandarsi qual è la lunghezza ideale per i post di un blog è solo l’ultimo tassello di un progetto che dovrebbe prima passare per il budget che si è disposti a spendere per realizzare il blog e i suoi articoli e per un piano editoriale del blog che già definisca quali contenuti realizzare e come valorizzarli al meglio, in approfondimento ancora prima che in lunghezza.

Se anche tu hai in mente di sviluppare il progetto di un blog, ma non hai idea di quale possa essere la lunghezza ideale dei post, o di come possa avvenire il loro sviluppo, puoi contattarmi per approfondire e per avere un preventivo, nonché per ricevere un portfolio dei blog che ho gestito o gestisco.

La pagina con le modalità per contattarmi la trovi cliccando qui.

0 comment

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Comment

* Usando questo form approvi la conservazione e la gestione dei tuoi dati da parte del sito. Per saperne di più, visita la pagina del sito "Privacy e Cookie Policy".