Home copywriting, scrittura e dintorni Nella tua azienda è nevicato come a Los Angeles?

Nella tua azienda è nevicato come a Los Angeles?

by Simona

Sì, lo so, il titolo di questo articolo non mi aiuterà con il posizionamento naturale del sito per le parole chiave più indicate!

Ma la cosa più importante che ho da comunicarti oggi è uno screenshot preso dai risultati di Google che vorrei farti vedere e che posto qui:

Come vedi, il 22 febbraio del 2019 è nevicato a Los Angeles e, visto che non avviene molto spesso da quelle parti, i siti di informazione italiani si sono scatenati per andare a vedere da quanto tempo non succedeva.

Non ero nata nei due anni 1949 e 1962, quindi non so dirti chi abbia ragione dei due (o se abbiano entrambi torto). Ma non è curioso come due versioni dei fatti così diverse possano coesistere nei risultati di Google, una dopo l’altra?

Eppure è successo, e credimi che succede anche per i risultati che riguardano in generale le imprese e magari proprio la tua azienda.

Di questo ho deciso di parlarti oggi.

Può darsi che nella tua azienda sia “nevicato” a un certo punto, che si sia parlato di te online, su vari siti, e che da quel momento di particolare visibilità mediatica sia passato un po’ di tempo.

Purtroppo i motori di ricerca non perdonano e spesso anche dopo anni, con il nome della tua azienda, potresti risultare ancora là, nella Serp. E magari la neve l’hai spalata da un pezzo!

La reputazione online è una gran brutta bestia, perché resta lì per anni.

E se i tuoi potenziali clienti si mettono a cercarti, potrebbero trovare informazioni che non hai molto piacere leggano per prime, perché sono superate o perché non hanno più molta importanza (magari hai pure cambiato produzione).

Al di là della possibilità di far rimuovere i contenuti falsi o non più aggiornati, esiste anche un’opportunità propositiva: fare contenuti nuovi, farli posizionare e “rubare” posizioni ai contenuti indesiderati.

Lo si fa per esempio con la creazione dei profili social aziendali o su marketplace come Amazon, ma anche con strumenti come i comunicati stampa, i guest post su blog di terzi, la pubblicazione di articoli giornalistici, la presenza su portali specializzati con schede e approfondimenti, la presenza su siti di clienti e fornitori oppure di eventi come le fiere. 

Attraverso un’attività di pr, si può infatti lavorare “below the line” (come dicevano i vecchi pubblicitari) affinché la reputazione dell’azienda possa migliorare, soprattutto sugli strumenti online che ormai sono alla portata di tutti e che i tuoi clienti sicuramente consultano.

Per questo non puoi più trascurare queste attività. La pubblicazione di nuovi articoli e contenuti aiuta a rinnovare la presenza online e a posizionare elementi più nuovi, che sono di certo più utili ai tuoi clienti per informarsi e più efficaci per te per vendere.

.

I servizi di ufficio stampa e pubbliche relazioni oggi non sono caduti in disuso, hanno solo mutato aspetto.

Se ti interessa approfondire questo tema e verificare le reali possibilità di un’attività di pr online, puoi contattarmi come indicato a questa pagina per fare una chiacchierata e per studiare assieme la soluzione più adatta alla tua situazione e alla tua azienda.

0 comment

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Comment

* Usando questo form approvi la conservazione e la gestione dei tuoi dati da parte del sito. Per saperne di più, visita la pagina del sito "Privacy e Cookie Policy".